Rassegna settimanale 29 Gennaio-4 Febbraio 2018: Africa Subsahariana

29 gennaio, Etiopia – I leader di Etiopia, Egitto e Sudan si sono incontrati sull’impasse della diga del Nilo

Una dichiarazione del Governo etiope afferma che i leader di Etiopia, Egitto e Sudan si sono incontrati ad Addis Abeba per discutere di questioni controverse relative alla diga che l’Etiopia sta costruendo sul fiume Nilo.

Il ministero degli Esteri etiope ha rilasciato una comunicazione in cui si afferma che l’incontro si è svolto lunedì a margine del vertice dell’Unione Africana. L’incontro arriva dopo che i leader etiope ed egiziano si sono incontrati meno di due settimane fa al Cairo.

L’Egitto teme che la diga di 4,8 miliardi di dollari possa ridurre la sua quota delle acque del Nilo, mentre l’Etiopia afferma che ha bisogno della diga per il suo sviluppo economico. Sembra che il problema principale sia la velocità con cui il serbatoio dietro la diga verrà riempito e se il riempimento farà sì che l’Egitto ottenga meno acqua dal fiume Nilo.

Fonte: Fox News
Link: http://www.foxnews.com/world/2018/01/29/ethiopia-egypt-and-sudan-leaders-met-over-nile-dam-impasse.html

30 gennaio, Comore – Defezioni nello Steering Committee of National Assizes

Due personalità impegnate hanno deciso di abbandonare il comitato direttivo delle corti d’assise nazionali che comincerà nelle Comore il prossimo lunedì. L’evento dovrebbe consentire di fare il punto su 42 anni di indipendenza. Avviato da un movimento cittadino aperto a tutti, è sostenuto finanziariamente dal governo che garantisce che queste defezioni non ostacolino il regolare progresso dei preparativi.

Il primo è la vedova di un simbolo politico del paese e il secondo un diplomatico rispettato da tutti.

Le lettere di dimissioni pubblicate sui social network mostrano disfunzioni, un’atmosfera di intimidazione e opacità nella gestione del budget all’interno del Comitato Direttivo dell’Assise Nazionale.

Fonte: Radio France Internationale
Link: http://www.rfi.fr/afrique/20180130-comores-defections-sein-comite-pilotage-assises-nationales

31 gennaio, Kenya – Gli organismi per i diritti umani condannano la chiusura dei media in Kenya

Le autorità keniane “hanno violato il diritto all’informazione del pubblico” bloccando le trasmissioni di canali televisivi che sfidavano il divieto di coprire in diretta l’inaugurazione simbolica di Raïla Odinga come “il presidente del popolo”, ha riferito Human Rights Watch (HRW).

L’organismo dei diritti umani ha rilasciato una dichiarazione che ha anche messo in evidenza il deterioramento della situazione dei diritti umani del governo di Uhuru Kenyatta.

“Le autorità keniane hanno una copertura mediatica limitata in un momento cruciale e hanno violato il diritto all’informazione del pubblico”, ha detto Otsieno Namwaya, ricercatore di HRW, citato in una dichiarazione. “Dovrebbero immediatamente consentire a questi media di riprendere il loro lavoro.”

I proprietari dei media kenioti rilasciarono in precedenza una dichiarazione che affermava di essere stati avvertiti dal presidente Uhuru Kenyatta “di non trasmettere” la prevista inaugurazione di Raïla Odinga. Dicono che il presidente ha minacciato di “chiudere e revocare le licenze di qualsiasi testata che trasmettesse dal vivo”.

Il giorno dell’inaugurazione, alcuni canali hanno sfidato questo ordine, inclusi tre dei principali canali di notizie private del paese, Citizen TV, KTN News e NTV, le cui trasmissioni sono state interrotte.

Questo blocco è stato condannato dalle organizzazioni per i diritti umani, incluso il Comitato per la protezione dei giornalisti.

“Dal 2013, quando il presidente Kenyatta è stato eletto per la prima volta, il Kenya è stato su una china scivolosa per quanto riguarda i diritti umani”, ha aggiunto la dichiarazione HRW.

“I funzionari governativi hanno intimidito, molestato e minacciato organizzazioni dei media, giornalisti e blogger che scrivono su argomenti delicati”, ha affermato HRW. ” In alcuni casi, giornalisti e blogger governativi critici sono stati fisicamente attaccati o uccisi. ”

In seguito all’inaugurazione di Raïla Odinga come “presidente del popolo”, il Governo ha dichiarato al suo “Movimento di resistenza nazionale” un gruppo criminale, aprendo la strada a possibili azioni penali contro i suoi membri.

La rielezione di Kenyatta nel 2017 è stata accompagnata da disordini che hanno provocato la morte di 92 persone, secondo i difensori dei diritti umani.

Fonte: Africa News
Link: http://www.africanews.com/2018/01/31/human-rights-bodies-condemn-media-shutdown-in-kenya/

1 febbraio, Kenya – La Corte del Kenya sospende l’arresto dei media da parte del Governo

La Corte Suprema del Kenya ha sospeso la chiusura di tre stazioni televisive indipendenti, che sono state bloccate all’inizio di questa settimana dopo che avevano programmato di trasmettere una controversa cerimonia simbolica di “giuramento” per il leader dell’opposizione Raïla Odinga.

L’Alta Corte del Paese ha ordinato una sospensione di 14 giorni volontà governativa – che ha colpito le stazioni di NTV, Citizen e KTN TV – mentre è in discussione una sfida legale, ha detto NTV giovedì.

“Il Governo prevede di ripristinare i segnali di NTV, Citizen TV e KTN News dopo che l’Alta Corte sospende la disattivazione per 14 giorni in attesa di un caso”, ha scritto la stazione su Twitter.

Le stazioni sono state disattivate giovedì sera, tuttavia, l’Associated Press ha riportato.

Fonte: Al Jazeera
Link: https://www.aljazeera.com/news/2018/02/kenya-court-suspends-government-media-shutdown-180201143724641.html

 Sudafrica – Un migliaio di minatori intrappolati sottoterra

Un migliaio di minatori sono rimasti bloccati da mercoledì sera in una miniera d’oro in Sudafrica, la miniera di Beatrix, situata vicino alla città di Welkom, 290 chilometri a sud-ovest di Johannesburg. Hanno subito un’interruzione di corrente.

L’interruzione di corrente alla miniera di Beatrix in seguito ad una forte tempesta. Secondo la società sudafricana Sibanye Stillwater, proprietaria della miniera d’oro, l’interruzione di corrente ha causato l’arresto degli ascensori e praticamente non è stato possibile sollevare l’intero turno notturno.

Il portavoce della miniera, che ha parlato in un canale di notizie locale, ha detto che le squadre di soccorso sono scese per registrare i minatori e portare loro acqua e cibo.

Sarebbero tutti sani in un’area ben ventilata. La gestione della miniera parla di 950 minori ancora bloccati.

Non sappiamo quanto siano in profondità. Oltre alle gallerie della miniera di Beatrix scendono a 1000 metri sotto terra.

Le operazioni di salvataggio sono in corso e 336 minatori sono tornati in superficie da mercoledì sera. Ma l’evacuazione richiede tempo.

Secondo il portavoce della miniera, la riparazione dei cavi elettrici danneggiati dalla tempesta è solo parziale e può tracciare solo un minatore alla volta.

Il problema, in particolare, è che la miniera non aveva un piano di riserva con generatori in grado di fornire elettricità in caso di guasto. Questo è in ogni caso ciò che l’AMCU denuncia. Cosatu, il principale centro sindacale del paese, ha chiesto un’indagine e la società è “ritenuta responsabile per negligenza”.

Gli incidenti in miniera sono frequenti in Sudafrica, ma spesso si svolgono in generale indifferenza perché i minatori sono per lo più poveri lavoratori migranti.

Fonte: Radio France Internationale
Link: http://www.rfi.fr/afrique/20180201-afrique-sud-millier-mineurs-coinces-sous-terre

2 febbraio, Burundi – Il Burundi accoglie i rifugiati in fuga dalla violenza della Repubblica Democratica del Congo

Migliaia di rifugiati si sono riversati in Burundi per sfuggire a un nuovo focolaio di combattimenti nella Repubblica Democratica del Congo. L’UNHCR ha elogiato i locali per accogliere i loro vicini traumatizzati.

“È decisamente meglio qui che dall’altra parte del lago”, dice a DW un rifugiato congolese nella città burundese di Rumonge, un rilievo chiaramente visibile sul suo volto. “I burundesi ci aiutano, ci portano patate dolci e mais da mangiare, sono molto grato per l’ospitalità.”

È fuggito dalla sua terra d’origine nella parte orientale della DR Congo, dopo gli scontri tra forze governative e ribelli scoppiarono lì la scorsa settimana. Secondo l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR), la violenza ha spinto circa 8.000 rifugiati oltre il confine con il Burundi in pochi giorni.

La maggior parte dei rifugiati arrivò a Rumonge, la capitale della provincia dello stesso nome nel Burundi occidentale. La città, che ospita circa 36.000 abitanti, si trova sulle rive del lago Tanganica.

Soufiane Adjali, rappresentante dell’UNHCR in Burundi, afferma che la città non era pronta per l’improvviso afflusso di nuovi arrivati. “Non c’era alcuna indicazione di ciò che stava accadendo sulla sponda opposta”, ha detto a DW. “All’improvviso le persone hanno iniziato ad arrivare qui dall’altra parte del lago su barche a remi o piccoli motoscafi, quindi i primi giorni sono stati abbastanza difficili”.

Le persone di Rumonge hanno sistemato i rifugiati in numerosi rifugi temporanei, tra cui una scuola professionale locale. Lo stato di emergenza non è durato a lungo. L’UNHCR, così come i gruppi di aiuto locali e internazionali, sono rapidamente intervenuti e hanno iniziato a trasportare i rifugiati in altre parti del paese.

L’agenzia delle Nazioni Unite e le organizzazioni burundesi avevano già allestito campi per rifugiati in diverse altre province, anche se per uno scopo diverso. Questi rifugi preparati erano destinati ai burundesi che tornavano a casa dalla Tanzania dopo essere sfuggiti alla violenza civile simile alla guerra.

Fonte: Deutsche Welle
Link: http://www.dw.com/en/burundi-welcomes-refugees-fleeing-dr-congo-violence/a-42423855

Sudan – Disputa sulla diga sul Nilo: truppe di massa sul confine tra Sudan e Eritrea

Cresce la crisi geopolitica su chi controlla il fiume Nilo.

Lunedì, i presidenti di Egitto, Sudan e Etiopia si sono incontrati ad Addis Abeba per risolvere una disputa sulla costruzione di una diga sul fiume in Etiopia.

La parvenza di soluzione unitaria, però, è stata contraddetta mentre emergono le immagini delle truppe sudanesi vicino a Kassala, vicino al confine con l’Eritrea.

Fonte: Al Jazeera
Link: https://www.aljazeera.com/news/2018/02/nile-dam-dispute-troops-mass-sudan-eritrea-border-180202150903811.html

3 febbraio, Senegal – La Global Partnership for Education diffonde soluzioni sulla raccolta dei dati sull’istruzione

Nel tentativo di aiutare i Paesi in via di sviluppo a rafforzare la raccolta, la gestione e l’utilizzo dei dati dell’istruzione, i rappresentanti di alto livello del settore privato, le organizzazioni internazionali, i Governi dei PVS e altri partner si sono riuniti alla conferenza di finanziamento della Global Partnership Education (GPE) Dakar, in Senegal, per lanciare un’importante nuova iniziativa chiamata Education Round Table.

L’iniziativa mira a migliorare la capacità dei PVS di raccogliere dati accurati, completi e tempestivi, il che è essenziale per capire dove sono necessari miglioramenti nei sistemi educativi e dove si stanno facendo progressi.

L’Amministratore delegato del GPE Alice Albright ha affermato che dati migliori e migliori sono essenziali per creare sistemi di istruzione efficaci e resilienti che offrano una qualità scolastica su vasta scala.

La nuova iniziativa pubblico-privato riconosce che la comunità imprenditoriale, in collaborazione con altri soggetti interessati allo sviluppo, può offrire soluzioni innovative, pensiero creativo e nuove tecnologie che guideranno miglioramenti a livello comunitario, regionale, nazionale e, in definitiva, globale. L’iniziativa fa parte del lavoro di scambio e conoscenza del partenariato globale per l’istruzione.

L’Istituto di statistica dell’UNESCO (UIS) è un partner centrale dell’iniziativa. È l’ufficio statistico dell’UNESCO e il principale deposito delle Nazioni Unite per le statistiche comparabili a livello internazionale sull’istruzione che coprono più di 200 paesi e territori.

Fonte: Africa News
Link: http://www.africanews.com/2018/02/03/global-partnership-for-education-launches-education-data-solutions/

4 febbraio, Camerun – Rinnovata tensione nella zona anglofona del Paese

“Esiste un’escalation di violenza” nelle aree a predominanza inglese del Camerun occidentale. Questa è l’ammissione del portavoce del Governo, dopo la morte di tre membri della polizia giovedì 1 febbraio. La crisi è durata più di un anno in queste aree anglofone. Le rivendicazioni, inizialmente di natura sociale, sono diventate politiche e alcuni gruppi stanno ora favorendo azioni armate.

Secondo l’International Crisis Group, almeno 23 poliziotti e poliziotti camerunensi sono stati uccisi negli ultimi tre mesi e 75 civili uccisi dalle forze di sicurezza dallo scorso settembre. Per Hans de Marie Heungoup, ricercatore presso International Crisis Group, un’insurrezione ha cercato di ottenere un punto d’appoggio per tre mesi.

Fonte: Radio France Internationale
Link: http://www.rfi.fr/afrique/20180204-cameroun-tension-anglophone-adf-scdf-icg-hans-marie-heungoup

Featured Image Source: Pixabay

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s