Rassegna settimanale 15-21 Gennaio: Africa Subsahariana

15 gennaio, Etiopia – Il Governo sta per liberare il leader Oromo Merera Gudina e più di 500 prigionieri

Le autorità etiopi hanno lasciato cadere le accuse contro un alto leader dell’opposizione e centinaia di altre persone che sono state incarcerate per aver partecipato ai disordini che hanno attanagliato il Paese nel 2015 e nel 2016, ha riportato oggi il procuratore generale del Paese.

Centinaia di persone sono state uccise durante gli atti di violenza nel Paese del Corno d’Africa da quando sono esplose le prime proteste nella sua provincia centrale di Oromiya sulle accuse di sequestro di terre.

Diversi politici dissidenti sono stati imprigionati dopo essere stati accusati di coinvolgimento in terrorismo e collusione con il Fronte di Liberazione di Oromo, che il Governo ha etichettato come un gruppo terroristico.

Lunedì, il procuratore generale Getachew Ambaye ha dichiarato ai giornalisti che 528 persone sono state finora selezionate per la clemenza, tra cui Merera Gudina – leader del gruppo di opposizione Oromo Federalist Congress, arrestato alla fine del 2015.

Getachew ha dichiarato che i criteri per la loro selezione sono stati presi in considerazione considerando che i sospettati non hanno preso parte ad azioni che hanno portato a uccisioni e lesioni gravi, infrastrutture dannose e “cospirazione per smantellare con la forza l’ordine costituzionale”.

Merera è stato arrestato dopo un viaggio a Bruxelles per incontrare membri del Parlamento Europeo e è stato formalmente accusato di tentare di “smantellare o interrompere l’attività sociale, economica e politica” della nazione.

È stato anche accusato di sostenere un gruppo secessionista che Addis Abeba definisce un movimento terrorista, oltre a infrangere le linee guida sullo stato di emergenza che fu imposto per nove mesi durante il suo viaggio in Belgio.

Circa 700 persone sono morte nei disordini durante mesi di proteste nel 2015 e nel 2016, secondo un’inchiesta del Parlamento.

I raduni sui diritti fondiari si sono ampliati in dimostrazioni sulle restrizioni politiche e sugli abusi dei diritti percepiti, prima di diffondersi nella regione settentrionale dell’Amhara e – in misura minore – nella sua provincia SNNP nel sud.

Negli ultimi mesi si è verificata anche una serie di scontri etnici. Dozzine di persone sono state uccise in diversi periodi di violenza tra Oromos e Somali nella regione di Oromiya l’anno scorso.

Fonte: Africa News
Link: http://www.africanews.com/2018/01/15/ethiopia-to-free-oromo-leader-merera-gudina-and-over-500-prisoners/

16 gennaio, Africa Orientale – Quali sono le ragioni delle tensioni crescenti nell’area del Mar Rosso?

Le tensioni nella regione del Mar Rosso bollono in pentola da mesi, ma sono tornate alla ribalta quando il Presidente turco Recep Tayyip Erdogan si è recato in visita in Sudan lo scorso dicembre.

È stata una visita storica: la prima di un capo di stato turco dal 1956, quando il Sudan ottenne l’indipendenza.

L’agenzia di stampa ufficiale di Stato di Khartoum ha riportato che i due Paesi hanno concordato di istituire un gruppo di pianificazione strategica per discutere degli affari internazionali e che intendono concludere un accordo militare.

Tra oltre una dozzina di accordi firmati da Erdogan e dal presidente sudanese Omar al-Bashir è stato concluso un accordo per l’affitto temporaneo dell’isola di Suakin, nel Mar Rosso alla Turchia.

Ankara e Khartoum hanno detto che la Turchia ricostruirà l’isola ottomana in rovina e scarsamente popolata per aumentare il turismo e creare un punto di transito per i pellegrini che attraversano il Mar Rosso verso la città più sacra dell’Islam della Mecca.

I media egiziani e sauditi hanno duramente criticato l’accordo e insinuano che la Turchia avrebbe costruito una base militare su Suakin.

La Turchia e l’Egitto, entrambi alleati dell’Arabia Saudita, hanno congelato da qualche tempo le loro relazioni diplomatiche. Ankara ha condannato fermamente il colpo di stato militare dell’Egitto nel 2013, che ha rovesciato il primo presidente democraticamente eletto, Mohamed Morsi, dei Fratelli Musulmani.

Serdar Cam, capo dell’Agenzia turca per la cooperazione e il coordinamento internazionale (TIKA), ha smentito le accuse affermando che la Turchia sta introducendo progetti per stabilire le infrastrutture di base che i Paesi africani hanno bisogno in ogni settore.

L’ambasciata sudanese in Arabia Saudita ha risposto dicendo che “Suakin appartiene al Sudan e nessun altro” e ha promesso che l’accordo con Ankara non danneggerà la sicurezza dei Paesi arabi.

In quella che potrebbe essere stata una risposta alle paure che la Turchia stava espandendo la sua influenza nella regione, l’Egitto ha inviato centinaia di soldati in una base degli EAU in Eritrea, al confine con il Sudan.

Khartoum ha risposto richiamando il suo ambasciatore al Cairo, poche ore dopo che il capo del Comitato tecnico per i confini sudanese, Abdullah al-Sadiq, ha accusato l’Egitto di aver tentato di “trascinare il Sudan in uno scontro diretto”.

Alcuni giorni dopo, il Sudan ha chiuso il confine con l’Eritrea e lì ha schierato migliaia di soldati.

L’accordo dell’isola di Suakin con la Turchia ha semplicemente accentuato una situazione politica già tesa nella regione. Per mesi, il Sudan e l’Egitto si sono scambiati accuse, con il Cairo che sosteneva che Khartoum aveva sostenuto i membri dei Fratelli Musulmani e Khartoum sostenendo che il Cairo stava sostenendo i dissidenti sudanesi.

Ad aggravare la situazione ci sono le dispute per la Grande Diga della Rinascita Etiope (GERD) che potrebbe ridurre drasticamente l’approvvigionamento idrico nilotico per l’Egitto, e le storiche tensioni tra Eritrea ed Etiopia che sembra stiano tornando alla ribalta.

Fonte: Al Jazeera
Link: https://www.aljazeera.com/news/2018/01/tensions-rising-red-sea-region-180109064758337.html

17 gennaio, DR Congo – Le Nazioni Unite esprimono il loro malcontento sulla condizione securitaria del Paese

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite solleva il tono sulla crisi nella Repubblica Democratica del Congo. Ha parlato per la prima volta dalle marce del 31 dicembre 2017, quando i manifestanti hanno chiesto le dimissioni del presidente Kabila, durante le quali sono morte sei persone.

In una dichiarazione rilasciata martedì 16 gennaio, l’organismo delle Nazioni Unite ha espresso preoccupazione per il deterioramento della situazione della sicurezza nel paese e le violenze che hanno avuto luogo nella capitale due settimane fa.

Nella sua dichiarazione, il Consiglio di Sicurezza esprime seria preoccupazione per lo stallo politico nel Paese e la violenza contro i manifestanti il 31 dicembre scorso. Invita il Governo a indagare tempestivamente sull’uso sproporzionato della forza da parte delle forze di sicurezza contro i parrocchiani che sono scesi in piazza e condannare i responsabili delle violenze.

I membri del Consiglio chiedono inoltre alle parti di mantenere il loro impegno per l’accordo di Capodanno, che apre la strada allo svolgimento delle elezioni alla fine dell’anno e sottolinea la necessità di fare tutto il possibile per garantire che queste elezioni si svolano il 23 dicembre. Elezioni trasparenti, credibili e inclusive, afferma la dichiarazione.

Le Nazioni Unite alzano il tono mentre la Chiesa Cattolica si prepara di nuovo a scendere in strada questa domenica, 21 gennaio per chiedere la partenza del presidente Kabila.

Fonte: Radio France Internationale
Link: http://www.rfi.fr/afrique/20180117-rdc-onu-mecontentement-situation-securitaire-pays

18 gennaio, Sudafrica – Città del Capo riduce l’approvvigionamento idrico ai propri cittadini

La città sudafricana di Città del Capo ridurrà il sussidio idrico dei residenti a 50 litri al giorno dal prossimo mese, tra i timori di poter diventare la prima grande città del mondo a rimanere senza acqua.

La città ha raggiunto un “punto di non ritorno”, ha detto il sindaco Patricia De Lille.

Città del Capo, una popolare destinazione turistica, è stata colpita dalla sua peggiore siccità in un secolo.

Il sindaco De Lille ha avvertito che la città ha già rischiato di raggiungere “Day Zero” lo scorso 21 aprile, quando i rubinetti nelle case sono quasi rimasti completamente a secco.

“Non possiamo più chiedere alle persone di smettere di sprecare acqua, dobbiamo costringerli a farlo”, ha affermato durante una conferenza stampa.

“Nonostante avessimo insistito per mesi, il 60% dei cittadini di Città del Capo usa più di 87 litri al giorno”, ha aggiunto, riferendosi all’attuale limite giornaliero.

Secondo la campagna di sensibilizzazione sull’uso dell’acqua del Sudafrica WaterWise, una persona usa circa 15 litri al minuto per una doccia tipica e la stessa quantità quando usa una volta lo scarico della toilette.

Città del Capo ha vietato in precedenza il lavaggio delle auto e il riempimento delle piscine come parte degli sforzi per conservare l’acqua.

La nazionale indiana di cricket è stato anche invitato a fare una doccia di non più di due minuti durante il suo tour della città all’inizio di questo mese.

Tuttavia, le misure “semplicemente non sarebbero state sufficienti” e la crisi “ha raggiunto una nuova gravità che richiede una serie di nuove misure di emergenza”, ha affermato De Lille.

Gran parte dell’Africa meridionale si sta riprendendo da una siccità causata dal fenomeno meteorologico El Niño, in seguito alle forti piogge estive.

Tuttavia, Città del Capo verte ancora in una condizione di aridità a causa delle precipitazioni molto basse negli ultimi tre anni.

Fonte: BBC
Link: http://www.bbc.com/news/world-africa-42731084

19 gennaio, Unione Africana – I diplomatici africani invitano Trump a un incontro dell’UA per dare spiegazioni sulle sue affermazioni

Gli inviati africani alle Nazioni Unite hanno suggerito giovedì la necessità di un incontro del presidente degli Stati Uniti Donald Trump con i leader africani in Etiopia questo mese dopo che è stato riferito che ha descritto alcuni immigrati dall’Africa e da Haiti come provenienti da dei “cessi di Paese”.

Gli ambasciatori africani si sono incontrati con l’ambasciatore degli Stati Uniti alle Nazioni Unite Nikki Haley, la quale ha detto di essersi pentita del dramma politico intorno a quanto è stato detto una settimana fa durante una riunione della Casa Bianca sull’immigrazione, secondo quanto riferito dai diplomatici durante il meeting al palazzo di vetro.

I diplomatici hanno detto che l’ambasciatore sudafricano Jerry Matjila, che ha parlato a nome del gruppo, ha suggerito alla Haley che “potrebbe essere utile” per Trump rivolgersi ai leader africani direttamente quando si incontrano ad Addis Abeba nell’Unione Africana.

L’incontro dovrebbe svolgersi dal 28 al 29 gennaio, secondo il sito web dell’organizzazione.

Haley ha affermato che non sapeva cosa si fosse detto nella riunione alla Casa Bianca della settimana scorsa e aveva promesso di trasmettere il messaggio degli ambasciatori africani a Trump appena possibile.

Ricordiamo che Trump ha negato di usare un linguaggio così dispregiativo.

La missione degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite ha rifiutato di commentare la riunione se non con un tweet che ha pubblicato, che recitava: “Grazie al Gruppo Africa per l’incontro di oggi. Abbiamo discusso della nostra lunga relazione e della nostra storia di lotta contro l’HIV, lotta al terrorismo e impegno per la pace in tutta la regione”.

Fonte: Africa News
Link: http://www.africanews.com/2018/01/19/african-diplomats-invite-trump-to-au-meeting-to-explain-shithole-remark/

20 gennaio, Sud Sudan – L’ONU mette in guardia contro la “generazione perduta” nel conflitto stridente del Sudan meridionale

Il 70% dei bambini del Sud Sudan non vanno a scuola e il giovane Paese rischia di perdere un’intera generazione, il che renderebbe più difficile la ricostruzione della nazione dopo la fine del conflitto, ha riportato un funzionario delle Nazioni Unite.

Il Sud Sudan, che nel 2011 si è separato dal suo vicino settentrionale, il Sudan, è stato colpito da una guerra civile durata quattro anni, scatenata dalla rivalità politica tra il leader uscente Salva Kiir e il suo ex vice Riek Machar.

Venerdì, in un’intervista a Reuters, Henrietta Fore, direttore esecutivo dell’UNICEF, ha lanciato l’allarme dopo aver visitato alcune delle aree più devastate dalla guerra, affermando che “il 70% dei bambini non va a scuola, ed è il dato più alto del mondo. Nel Paese c’è troppa violenza […] Se non aiutiamo […] perderemo questa generazione e sarebbe tragico per il Sud Sudan, perché un paese non può costruirsi senza la prossima generazione di giovani.”

Fore ha detto di aver visitato le città nel nord del paese e ha assistito a una diffusa malnutrizione tra i bambini e ha avvertito: “Stiamo andando verso la stagione secca […] potremmo perdere fino a un quarto di milione di bambini nel Sud Sudan”.

Si stima che siano morte decine di migliaia di persone nel conflitto, che ha anche causato la migrazione di un quarto della popolazione del Paese di 12 milioni di abitanti.

L’economia della nazione, quasi interamente dipendente dalle esportazioni di petrolio, ne è uscita completamente distrutta. Anche la produzione agricola è diminuita poiché l’insicurezza ha lasciato a volte interi villaggi abbandonati e giardini incustoditi.

Il mese scorso è stato firmato un accordo di cessate il fuoco nella capitale dell’Etiopia, Addis Abeba, per fermare i combattimenti, ma è stato violato ripetutamente con entrambe le parti incolpandosi a vicenda.

Fonte: Middle East Monitor
Link: https://www.middleeastmonitor.com/20180120-un-warns-of-lost-generation-in-south-sudans-grinding-conflict/

21 gennaio, DR Congo – Violenza attorno alle marce organizzata dal Comitato di Coordinamento Laico

La calma è tornata a Kinshasa questa domenica sera, dopo la violenta dispersione, questa mattina, di manifestazioni non autorizzate. La polizia ha accusato le processioni che si erano formate all’uscita delle chiese su invito del Comitato di Coordinamento Laico. Il bilancio provvisorio è di sei morti secondo le Nazioni Unite e due morti secondo la polizia.

La polizia della capitale ha avvertito che nessun disturbo per l’ordine pubblico sarebbe stato tollerato e che i raduni sarebbero stati vietati. Nella capitale, in cui internet è stato bloccato come nel resto del Paese, i blocchi stradali sono stati costruiti dalla polizia che controlla veicoli e documenti di identità.

Già domenica mattina, davanti alla parrocchia di San Giuseppe, la polizia ha accusato i manifestanti di lasciare la messa nella cattedrale. Diverse persone sono venute per protestare. Erano circa 100 metri prima di essere caricati dalla polizia.

Fonte: Radio France Internationale
Link: http://www.rfi.fr/afrique/20180121-rdc-marches-interdites-anti-kabila-kinshasa-police-charge-comite-laic-coordination

Featured Image Source: Wikimedia

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s