Rassegna settimanale 11-17 Dicembre: Africa Subsahariana

11 dicembre, Etiopia – Addis Abeba riduce le condanne di giornalisti e attivisti incarcerati

La corte suprema federale etiopica ha ridotto oggi i termini del carcere di 20 imputati che sono stati e condannati a vari anni di carcere dopo essere stati accusati di terrorismo.

I 20 sono stati accusati di terrorismo per violazione dell’articolo 7 (1) della Proclamazione antiterrorismo (652/2009) e di accuse penali per violazione degli articoli 32 (1) (a) e 38 (1) del Codice penale FDRE del 2004.

Secondo la sentenza odierna della Corte suprema, la condanna a cinque anni e sei mesi di carcere di tutti gli imputati è stata ridotta a tre anni e sei mesi ciascuno; mentre la prigione di Darsema Sorri è stata ridotta da quattro anni e cinque mesi a tre anni e sette mesi.

Tuttavia, quattro delle persone accusate stanno anche affrontando accuse separate in relazione a un incendio mortale nella prigione di Qilinto nel settembre dello scorso anno.

I restanti 16, le cui condanne sono state ridotte, dovrebbero essere rilasciati dal carcere in qualsiasi momento, dal momento che hanno già scontato la pena.

Le accuse contro i 20 imputati includono anche “l’incitamento alle proteste tra i musulmani nelle città di Addis Abeba, Jimma e Wolkite preparando e distribuendo volantini e adesivi che affermano che il Governo ha arrestato Il Comitato, organizzando manifestazioni illegali che chiedono e incitano alla protesta”.

Secondo lo standard etiope, i musulmani della nazione del Corno d’Africa stanno protestando dal 2011 accusando il governo di indebita interferenza negli affari religiosi.

Fonte: Africa News
Link: http://www.africanews.com/2017/12/11/ethiopia-reduces-sentences-of-jailed-journalists-activists/

12 dicembre, Liberia – Secondo turno fissato per il 26 dicembre

La Liberia terrà il secondo turno delle lezioni presidenziali il prossimo 26 dicembre, hanno detto funzionari elettorali.

La Commissione elettorale nazionale (NEC) ha fatto l’annuncio in una conferenza stampa martedì, affermando che le campagne ufficiali devono concludersi entro il 24 dicembre.

Fonte: Al Jazeera
Link: http://www.aljazeera.com/news/2017/12/liberia-elections-run-vote-set-december-26-171212170243095.html

Africa – Israele è il nuovo migliore amico dell’Africa?

L’Africa è stata a lungo considerata un partner palestinese, ma sperando in armi, aiuti allo sviluppo e tecnologia all’avanguardia, molti Stati africani ora cercano legami più stretti con Israele. La cooperazione, tuttavia, ha un prezzo.

La visita del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu nel 2016 in Kenya, Uganda, Etiopia e Ruanda è stata storica, la prima da un capo del governo israeliano in Africa negli ultimi decenni. E aveva ragione di volare a casa contento. “Crediamo che ci sia ancora bisogno di noi come continente per reinserire Israele su una base più positiva”, ha detto il presidente keniano Uhuru Kenyatta in una conferenza stampa dopo i colloqui del luglio 2016.

La ricezione è stata altrettanto amichevole nelle altre nazioni che Netanyahu ha visitato nel suo tour storico. Da allora, Netanyahu è tornato al continente due volte, incluso come ospite speciale nel vertice della Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (ECOWAS) a giugno.

Ci sono stati alti e bassi nelle relazioni Africa-Israele, afferma Steven Gruzd dell’Istituto Sudafricano degli Affari Internazionali, aggiungendo che al momento la curva sembra puntare verso l’alto.

Negli anni ’50 e ’60, il nuovo stato di Israele aveva forti legami con i Paesi africani. A partire dagli anni ’70 i rapporti si tesero, quando gli Stati Arabi persuasero i vicini africani ad interrompere i rapporti diplomatici con Tel Aviv. Relazioni tese fino alla destituzione di Gheddafi nel 2011, tanto è vero che è stata significativamente blanda la protesta da parte dei Paesi africani sulla decisione di Trump di riconoscere Gerusalemme capitale israeliana.

La motivazione è puramente pragmatica: i vantaggi di una collaborazione con Israele sono maggiori per i Paesi africani rispetto a mantenere rapporti economici con l’Autorità Palestinese.

Israele offre aiuti militari antiterrorismo e di sviluppo. All’inizio di dicembre, Israele ha iniziato a partecipare a un programma di sviluppo statunitense denominato Power Africa, che mira a fornire elettricità a 60 milioni di africani entro il 2030.

È chiaro che in queste azioni Israele ha al centro i propri interessi. Più di una volta, il primo ministro israeliano Netanyahu ha menzionato l’interesse del suo paese per ottenere lo status di osservatore presso l’UA. Israele vorrebbe anche sciogliere il “blocco gigante di 54 paesi africani che è la base della maggioranza automatica contro Israele nelle Nazioni Unite e in altre organizzazioni internazionali”, ha detto al Times of Israel prima della sua visita a giugno.

Il coinvolgimento di Israele con l’Africa non è tuttavia un dato di fatto. In particolare, gli stati a maggioranza musulmana come Marocco, Senegal, Mauritania e Sudan stanno osservando gli sviluppi con occhio critico.

Ai cittadini israeliani è proibito entrare in Sudan. In risposta a un attacco missilistico israeliano a Gaza, la Mauritania nel 2010 ha interrotto le relazioni diplomatiche con Israele. Anche il Sudafrica è diffidente: Israele è stato uno stretto partner del governo dell’apartheid bianco che ha governato il paese fino al 1994.

Fonte: Deutsche Welle
Link.: http://www.dw.com/en/is-israel-africas-new-best-friend/a-41777233

13 dicembre, Ruanda – Rapporto del Ruanda: Francia “complice” nel genocidio del 1994

Il governo e i funzionari militari francesi sono stati coinvolti nella fornitura di armi agli autori del genocidio ruandese del 1994 e nell’ostruzione dei tentativi di consegnarli alla giustizia, sostiene un nuovo rapporto.

The Muse Report, scritto dallo studio legale statunitense Cunningham Levy Muse, è stato commissionato dal governo ruandese come parte di un’indagine sul ruolo dei funzionari francesi nel genocidio che ha causato la morte di più di 800.000 persone.

Il rapporto, pubblicato martedì, ha esaminato le informazioni già disponibili pubblicamente incluse le testimonianze dei testimoni. Afferma che i funzionari francesi hanno fornito rifugio ai sospettati di genocidio e ha permesso ai responsabili di incontrarsi all’ambasciata francese nella capitale ruandese, Kigali, dove hanno iniziato a formare il Governo ad interim che ha governato il paese durante le uccisioni di massa.

Il ministro degli Esteri ruandese, Louise Mushikiwabo, ha detto che il rapporto ha rivelato “una schiacciante sintesi di condotta da parte dei funzionari francesi in Ruanda durante gli anni ’90 e da allora in poi”.

Parlando con Al Jazeera, l’ambasciatore Olivier Nduhungirehe ha detto che il rapporto mostra il coinvolgimento a lungo termine della Francia con le “forze genocide”.

“Abbiamo informazioni, principalmente dalla Francia, che mostrano come il Governo di Parigi e i funzionari francesi siano stati coinvolti prima, durante e dopo il genocidio a sostegno del Governo che ha commesso un genocidio”, ha affermato.

Il rapporto è stato trasmesso all’Eliseo nel tentativo di persuaderlo a declassificare tutte le prove relative all’omicidio di massa. Un portavoce del ministero degli Esteri francese ha detto oggi che la Francia si è impegnata a perseguire coloro che sono coinvolti nel genocidio, definendolo “una delle peggiori atrocità del nostro tempo”.

Il Governo ruandese ha accettato la raccomandazione del rapporto di avviare un’indagine completa sul ruolo dei funzionari francesi. Mushikiwabo ha detto che il Ruanda sta cercando “una migliore collaborazione con le autorità francesi nella ricerca della verità, della giustizia e della responsabilità”.

Il rapporto ha anche criticato l’inchiesta del 1998 da parte di una commissione parlamentare francese, che non ha trovato prove di collaborazione nel genocidio, in quanto non completamente trasparente.

Pur accogliendo con favore la sua richiesta di chiarezza, Human Rights Watch ha criticato il Muse Report per non aver esaminato il ruolo del Tutsi Rwandan Patriotic Front, il partito dell’attuale presidente Paul Kagame, che ha preso il potere dopo il genocidio.

Le relazioni tra Ruanda e Francia sono tese dal genocidio.

Fonte: Al Jazeera
Link: http://www.aljazeera.com/news/2017/12/rwanda-report-france-complicit-1994-genocide-171213164332197.html

Sudafrica – Il presidente Jacob Zuma di nuovo apposto per la giustizia

In Sudafrica, c’è una grande battuta d’arresto per il presidente Jacob Zuma. Mercoledì 13 dicembre, la Corte ha sentenziato e ha dichiarato che il Capo dello Stato non poteva bloccare un rapporto compromettente dell’ex mediatore della Repubblica, Thuli Madonsela, “Madame anticorruzione”, sui legami tra il suo Governo e una famiglia ricca di uomini d’affari, la Gupta, accusata di interferenze negli affari di Stato. È un nuovo colpo, tre giorni prima del Congresso dell’ANC.

Fonte: Radio France Internationale
Link: http://www.rfi.fr/afrique/20171213-afrique-sud-le-president-jacob-zuma-nouveau-epingle-justice

14 dicembre, Kenya – HRW accusa la polizia di stupro nelle roccaforti dell’opposizione

Le forze di sicurezza in Kenya hanno aggredito e violentato i civili nelle roccaforti dell’opposizione dopo le elezioni di agosto, ha affermato Human Rights Watch (HRW). Circa la metà degli incidenti riferiti a HRW sono stati stupri di gruppo.

L’organizzazione per i diritti ha parlato con circa 70 persone – tra cui tre uomini – che affermano di essere state violentate dalle forze di sicurezza keniane.

Il rapporto della HRW “Erano uomini nell’uniforme” descrive “una diffusa violenza sessuale contro donne e ragazze e attacchi sessuali contro uomini”.

Le persone intervistate da HRW a Nairobi, Mathare, Kibera, Dandora, Kisumu e Bungoma hanno descritto brutali violenze di gruppo con due o più aggressori. Molti hanno affermato di essere stati violentati in modo vaginale e anale, che sono stati penetrati con oggetti o che la sporcizia è stata inserita nelle loro parti intime.

La maggior parte delle donne ha dichiarato di essere stata violentata da poliziotti o uomini in uniforme; molti dei quali portavano armi, manganelli, bombolette spray, fruste e indossavano elmi e altri attrezzi antisommossa. Almeno una ragazza è morta dopo essere stata violentata.

Molti attacchi sono stati inoltre accompagnati da torture e violenze contro i figli e i mariti delle donne.

Fonte: Deutsche Welle e Human Rights Watch
Link: http://www.dw.com/en/kenyan-police-accused-of-rape-in-opposition-strongholds-after-elections-says-hrw/a-41797849

https://www.hrw.org/report/2017/12/14/they-were-men-uniform/sexual-violence-against-women-and-girls-kenyas-2017

Somalia – Ufficiali morti nell’attacco all’accademia di polizia

Un attentatore suicida di Al Shabaab somalo ha ucciso 18 agenti di polizia e ne ha feriti altri 15 dopo essersi fatto esplodere all’interno della principale accademia di polizia del paese, secondo le autorità.

Testimoni hanno detto che la polizia è stata riunita giovedì in una piazza prima della parata del primo mattino quando l’attentatore ha attaccato nella capitale Mogadiscio.

Al Shabaab, che è alleato di al-Qaeda, ha rivendicato la responsabilità e ha messo il bilancio a 27 morti. “È stata un’operazione di martirio, in cui i mujahidin erano diretti al campo dell’accademia di polizia”, si legge in una nota pubblicata su un sito web pro-Al Shabaab.

L’assalto è l’ultimo di una battaglia decennale di Al Shabaab per rovesciare il Governo appoggiato a livello internazionale dalla Somalia.

“Diciotto membri della polizia sono stati uccisi, e altri 15 sono rimasti feriti, dopo che un kamikaze si è fatto esplodere all’interno dell’accademia”, ha detto il generale Muktar Hussein Afrah, capo della polizia.

Fonte: Al Jazeera
Link: http://www.aljazeera.com/news/2017/12/somalia-suicide-bomber-hits-mogadishu-police-academy-171214065327811.html

15 dicembre, DR Congo – Il criminale di guerra congolese Lubanga deve pagare 10 milioni di dollari ai bambini soldato

La Corte Penale Internazionale de L’Aja, nei Paesi Bassi, ha assegnato 10 milioni di dollari in risarcimento ai bambini soldato reclutati dal signore della guerra congolese Thomas Lubanga.

La CPI ha affermato che Lubanga è obbligato a pagare l’intero importo alle sue giovani vittime e ai loro parenti, ma ha aggiunto che non era possibile che fosse in grado di permettersi di pagare questo risarcimento che è il più grande del suo genere nella storia, coinvolgendo così il Governo della DR Congo.

Nel 2012, Thomas Lubanga è stato condannato per aver usato bambini soldato e condannato a 14 anni di carcere. La sua fu la prima condanna emessa dal tribunale permanente per i crimini di guerra.

Le agenzie di aiuto hanno stimato che 5,4 milioni di persone sono morte a causa della guerra e delle conseguenti difficoltà nella Repubblica Democratica del Congo tra il 1998 e il 2007 – più che in qualsiasi altro conflitto dalla Seconda Guerra Mondiale.

Il tribunale de L’Aja ha affermato che il pagamento finanzierebbe un sostegno psicologico e programmi di formazione professionale per 427 vittime identificate durante il procedimento.

Inoltre, riconosce che molti altri bambini sono stati arruolati come soldati. “Ulteriori prove hanno dimostrato l’esistenza di centinaia o addirittura migliaia di ulteriori vittime colpite dai crimini del sig. Lubanga”, ha detto la Corte in una dichiarazione.

I giudici hanno assegnato $ 8.000 a persona o $ 3,4 milioni per le 427 vittime finora riconosciute, con ulteriori $ 6,6 milioni per potenziali premi futuri.

A marzo, la CPI ha ordinato ad un altro detenuto congolese, l’ex leader della milizia Germain Katanga, di pagare 1 milione di dollari di danni alle vittime.

Fonte: Africa News
Link: http://www.africanews.com/2017/12/15/congolese-war-criminal-lubanga-ordered-to-pay-dollar-1m-to-child-soldiers/

16 dicembre, Sudafrica – Zuma lascia la presidenza dell’ANC senza prendersi le sue responsabilità

Il presidente sudafricano Jacob Zuma ha pronunciato un discorso di revanscismo alla fine dei suoi dieci anni alla guida dell’ANC. Sebbene onesto nel suo stato di cose, se ne andò senza assumersi la responsabilità del declino dello storico partito di Nelson Mandela.

A prima vista, Jacob Zuma ha tracciato un resoconto abbastanza onesto del suo mandato come capo dell’ANC. Il presidente sudafricano ha ammesso che le persone sono insoddisfatte dello stato del partito, registrando il declino dell’ANC nei sondaggi, in particolare l’ultimo municipale.

Anche parlare apertamente di corruzione. Jacob Zuma ha osservato “la percezione popolare che l’ANC sia egoista, arrogante e eccessivamente conciliante” a riguardo. Ma questa affermazione sembra provocatoria, quando conosciamo la litania degli scandali che circondano il suo secondo mandato. Lungi dal fare ammenda, Jacob Zuma si è rifiutato di assumersi la responsabilità dello stato delle cose.

Fonte: Radio France Internationale
Link: http://www.rfi.fr/afrique/20171216-afrique-sud-zuma-quitte-tete-anc-deplorant-son-declin

Nigeria – Decine di combattenti di Boko Haram arrestati in un’enorme retata dalle forze armate nigeriane

Decine di combattenti di Boko Haram sono tra le 400 persone arrestate dai soldati nigeriani, hanno detto le autorità militari nella nazione dell’Africa occidentale.

L’operazione di due settimane sulle isole del Lago Ciad ha compensato il maggior numero di arresti, ha affermato il colonnello Onyema Nwachukwu, aggiungendo che l’operazione includeva offensive aeree e terrestri.

I militari hanno detto che molti insorti di Boko Haram sono stati uccisi, ma non hanno fornito dettagli.

Tra gli arrestati c’erano 167 combattenti di Boko Haram, 67 donne e 173 bambini. Le donne e i bambini saranno consegnati alle autorità dei campi profughi dopo le indagini, hanno detto i militari.

Altri 57 ribelli sono stati arrestati durante un’operazione separata in un’altra parte della regione in difficoltà.

Boko Haram è stato accusato di oltre 20.000 morti durante gli otto anni di conflitto, che ha causato il riversamento di milioni persone nei Paesi vicini creando una vasta crisi umanitaria con milioni di sfollati e affamati.

I gruppi per i diritti umani hanno espresso preoccupazione per l’elevato numero di donne e bambini che sono stati arrestati nella lotta contro Boko Haram, affermando che la maggior parte di quelli detenuti sono stati prelevati a caso e senza ragionevoli sospetti.

Nel tentativo di alleviare strutture di detenzione militare sovraffollate, il governo nigeriano a ottobre ha iniziato i processi su oltre 1.600 sospetti membri di Boko Haram, a porte chiuse in una caserma.

È stato il più grande processo di massa nella storia del gruppo estremista islamico.

Fonte: The Independent
Link: http://www.independent.co.uk/news/world/africa/boko-haram-fighters-nigeria-lake-chad-400-arrested-fighters-wives-children-security-forces-a8114096.html

17 dicembre, Togo – L’ECOWAS esorta il Togo ad avere un “dialogo inclusivo” sulla crisi politica

I leader dell’Africa occidentale hanno invitato gli attori politici togolesi a tenere un “dialogo inclusivo” non appena il Togolese ha colpito di nuovo le strade di Lomé sabato per protestare contro il regime del presidente Gnassingbé.

Sabato i togolesi sono scesi per le strade di Lomé per protestare contro il regime del presidente Faure Gnassingbé, che ha presieduto lo stesso giorno il vertice dei capi di Stato della Comunità Economica dell’Africa Occidentale (ECOWAS) ad Abuja, in Nigeria.

Migliaia di persone hanno protestato contro l’appello dell’opposizione quasi ogni settimana dall’inizio di settembre, chiedendo la partenza del presidente Gnassingbé, l’erede di una famiglia al potere da oltre 50 anni.

La grave crisi politica che dura da quasi quattro mesi non rientra nell’agenda ufficiale del vertice, che dovrebbe affrontare la questione del reinserimento del Marocco nell’organizzazione regionale e nella situazione della sicurezza in Guinea Bissau, dove Gnassingbé svolge un ruolo di mediazione.

Fonte: Africa News
Link: http://www.africanews.com/2017/12/17/ecowas-urges-togo-to-have-an-inclusive-dialogue-on-political-crisis/

Featured Image Source: Wikimedia

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s