Rassegna settimanale 4-10 Dicembre: Africa Subsahariana

4 dicembre, Burkina Faso – Annuncio a sorpresa di Macron: restaurare il patrimonio culturale africano

Il presidente francese Emmanuel Macron ha fatto un annuncio a sorpresa durante il suo recente tour africano, affermando nella capitale del Burkina Faso che una delle sue priorità è quella di ripristinare i tesori culturali africani.

Il patrimonio culturale africano “dovrebbe essere evidenziato a Parigi, ma anche a Dakar, Lagos, Cotonou”, ha detto Macron a una folla di studenti dell’università di Ouagadougou.

Questa frase ha avuto risonanza soprattutto in Benin, che nel luglio dell’anno scorso invitò la Francia a restituire tesori presi durante il dominio coloniale francese dalla fine del XIX secolo.

Il presidente Patrice Talon – che ha inveito contro una presunta influenza francese durante la campagna elettorale che lo ha portato al potere lo scorso anno – ha fatto una richiesta formale al ministero degli Esteri dell’Eliseo lo scorso settembre.

Ha affermato che il rimpatrio di tali tesori consentirebbe alle persone “di conoscere meglio i nostri beni culturali e storici” e permetterà anche alla piccola nazione dell’Africa Occidentale di sviluppare il turismo come “una pietra miliare importante dell’economia del Benin”.

Fonte: France 24
Link: http://www.france24.com/en/20171204-benin-france-buoyed-macron-pledge-africa-heritage-cultural-treasures

5 dicembre, Sudafrica – La corsa per il successore di Jacob Zuma sembra serrata

In Sudafrica, la corsa per la presidenza dell’ANC è sempre più tesa. Il partito al Governo deve eleggere il suo prossimo leader in dieci giorni. Un’elezione cruciale dato che chiunque assumerà la guida dell’ANC, succederà molto probabilmente al presidente Jacob Zuma al timone del Paese nelle prossime elezioni presidenziali. Cyril Ramaphosa, vicepresidente, e Nkosazana Dlamini-Zuma, ex Presidente della Commissione dell’Unione Africana, sono i due favoriti. E con i voti delle ultime federazioni provinciali dell’ANC, Cyril Ramaphosa è in vantaggio.

Fonte. Radio France Internationale
Link: http://www.rfi.fr/afrique/20171205-afrique-sud-course-succession-jacob-zuma-s-annonce-serree

DR Congo – Approvata la legge elettorale: i deputali prendono la giustizia

Nella RDC, la bozza di legge elettorale è stata adottata ieri sera. L’opposizione non ha partecipato al voto. E in assenza di consenso, alcuni deputati nazionali, tra cui Henri Thomas Lokondo della maggioranza presidenziale, hanno deciso di impadronirsi della Corte Costituzionale per l’incostituzionalità.

Prima del voto, l’opposizione ha sbattuto la porta e alcuni deputati, compresi quelli della maggioranza presidenziale, hanno denunciato la mancanza di consenso per questa consultazione. Entrambi hanno accusato l’ufficio dell’Assemblea nazionale di aver optato per un passaggio in vigore.

In una mozione, Henri Thomas Lokondo, della maggioranza presidenziale, ha preso atto delle contraddizioni tra la Costituzione vigente e la legge messa ai voti. Secondo questo deputato, per la soglia della rappresentatività, i lavoratori autonomi saranno svantaggiati. Sarebbero sottoposti a suffragio indiretto invece di suffragio diretto e segreto nella loro stessa circoscrizione.

Anche la soglia della rappresentatività è un problema, spiega Lokondo. Ha parlato di una soglia difficile da calcolare per un candidato presentato da un partito politico o indipendente. Eletto da Mbandaka e membro della maggioranza presidenziale, Henri Thomas Lokondo promette di avviare il rinvio alla Corte costituzionale oggi per l’incostituzionalità del testo adottato nell’Assemblea nazionale.

Fonte: Radio France Internationale
Link: http://www.rfi.fr/afrique/20171205-adoption-loi-electorale-rdc-deputes-veulent-saisir-justice

6 dicembre, Camerun – I camerunesi fuggono dalla prevista offensiva militare sui secessionisti

Centinaia di camerunensi stanno fuggendo dai villaggi delle irrequiete regioni anglofone nelle principali città e nella vicina Nigeria, stanno segnalando i media locali.

I movimenti arrivano quasi una settimana dopo che il presidente Paul Biya ha dichiarato guerra alle violenze dei secessionisti sulle forze di sicurezza, la cui azione ha portato alla morte di quattro soldati e due poliziotti la scorsa settimana.

Secondo la BBC, le persone in fuga che hanno raggiunto Bamenda, capitale della regione nord-occidentale, ha dichiarato di essere in fuga da un’anticipata offensiva militare.

Si tratta di una nuova ondata migratoria dato che un alto numero di persone era già fuggito il mese scorso in Nigeria, nello stato di Cross River, come confermano sia l’UNHCR che il Governo nigeriano.

L’ala armata dei separatisti, le Forze di Difesa di Ambazonia, ha sottolineato che continueranno ad attaccare agenti di sicurezza che considerano “occupanti” la loro patria.

Fino ad ora hanno rivendicato la responsabilità della morte di 10 agenti di sicurezza per lo più presidiati da blocchi stradali nella regione. I cittadini delle regioni anglofobe del Paese hanno protestato dallo scorso anno con l’emarginazione da parte della maggioranza francese del Camerun.

Una dichiarazione di indipendenza programmata del 1° ottobre 2017 è stata bloccata dalle forze di sicurezza che hanno portato a scontri e morti. Un certo numero di persone sono state ferite mentre i molti sono stati successivamente detenuti.

Diversi sono stati gli appelli internazionali affinché il Governo avvii il dialogo con i leader della regione. Il presidente Biya ha accennato a discussioni che devono ancora essere concretizzate. Nel frattempo, il governo ha emesso mandati di arresto internazionali per un certo numero di leader anglofoni.

Fonte: Africa News
Link: http://www.africanews.com/2017/12/06/cameroonians-flee-anticipated-military-offensive-on-secessionists/

7 dicembre, DR Congo – MONUSCO richiede un’indagine dopo le rivelazioni dello HRW

Nuove reazioni dopo le rivelazioni dell’ONG Human Rights Watch che accusa il regime di Joseph Kabila di aver usato elementi dell’M23 come mercenari per rimanere al potere nel dicembre 2016. Accuse che il governo congolese nega.

Da parte sua, MONUSCO, la Missione Onu per il Congo, richiede un’indagine.

Fonte: Radio France Internationale
Link: http://www.rfi.fr/afrique/20171207-rdc-monusco-human-rights-watch-revelations-m23-kabila-bambara

Liberia – La Corte Suprema respinge le accuse di frode: confermato il risultato del primo turno

La Corte Suprema della Liberia ha stabilito che le prove di frode nelle elezioni di ottobre non sono sufficienti per una ripetizione, aprendo la strada al secondo turno tra George Weah e il vicepresidente Joseph Boakai.

“In assenza di prove sufficienti, la Corte non può ordinare una nuova esecuzione delle elezioni”, ha detto la giudice Philip Banks, leggendo la decisione della Corte.

In una decisione 4 – 1 della Corte Suprema, il giudice dissidente, Kabineh M. Ja’ne, ha riportato il suo essere sconcertato dal fatto che i suoi colleghi avessero deciso di ignorare le discrepanze clamorose e le prove di gravi irregolarità nel processo elettorale.

La data del ballottaggio sarà determinata e annunciata dalla Commissione Elettorale che è stata incaricata dalla Corte suprema per condurre riforme critiche prima delle prossime elezioni.

Alcuni degli ordini della Corte Suprema alla Commissione Elettorale comprendono il divieto del Presidente e dello staff NEC di parlare su qualsiasi questione che possa interessare una parte del ballottaggio e anche di rispettare pienamente le leggi sulla gestione elettorale liberiana.

Fonte: Africa News
Link: http://www.africanews.com/2017/12/07/liberia-supreme-court-orders-run-off-of-october-polls/

8 dicembre, DR Congo – Attacco in Congo: 14 peacekeeper uccisi e oltre 40 feriti

I ribelli hanno ucciso 14 caschi blu e ne hanno feriti più di 40 in un attacco contro una base delle Nazioni Unite nell’est del Congo.

Almeno cinque soldati congolesi sono stati uccisi nell’attacco nella provincia del Nord Kivu nel peggiore attacco “in memoria recente”, ha detto il portavoce dell’ONU Farhan Haq. Le forze di pace provenivano principalmente dal contingente tanzaniano, ha aggiunto.

La base di mantenimento della pace si trova a circa 45 km (27 miglia) dalla città di Beni, che è stata ripetutamente colpita dai ribelli del gruppo Allied Democratic Forces.

Jean-Pierre Lacroix, sottosegretario generale delle Nazioni Unite per le operazioni di peacekeeping, ha dichiarato di essere “indignato” dall’attentato di giovedì sera. Ha detto su Twitter che le evacuazioni mediche erano in corso dalla scena, ma che non sono riusciti ad identificare gli aggressori.

La missione di peacekeeping delle Nazioni Unite nella Repubblica Democratica del Congo è la più grande e più costosa del mondo e ha lo scopo di calmare un certo numero di gruppi armati nella vasta nazione africana, ricca di minerali.

Radio Okapi, che è collegata alla missione di mantenimento della pace conosciuta come MONUSCO, ha riferito che le forze di pace di giovedì hanno respinto un attacco da parte di combattenti con il gruppo ribelle delle forze alleate democratiche (ADF) su una base ONU nell’area di Beni. La base ospita la forza di intervento rapido della missione di mantenimento della pace, che ha un raro mandato di passare all’offensiva.

La stazione radio, citando fonti militari, ha dichiarato che i combattimenti sono durati quattro ore. Riferiva che le forze congolesi non intervenivano perché le più vicine erano a diversi chilometri di distanza.

Il Congo, un Paese grande come l’Europa occidentale, ha visto incommensurabili crudeltà e avidità a causa delle sue vaste risorse minerarie.

La nazione ha sofferto attraverso uno dei più brutali regni coloniali mai conosciuti prima di subire decenni di dittatura corrotta. Le guerre civili consecutive hanno in seguito attirato un certo numero di paesi limitrofi.

I conflitti sono stati numerosi dall’arrivo della missione ONU nel 1999. Molti gruppi ribelli sono venuti e andati, a volte invadendo la capitale regionale, Goma. Una delle maggiori minacce nella regione proviene ora dall’ADF. I gruppi per i diritti umani dicono che i suoi combattenti hanno ucciso circa 1.000 persone negli ultimi tre anni.

La missione delle Nazioni Unite nel 2006 ha aiutato a realizzare le prime elezioni libere ed eque del Congo in 46 anni, ma da allora il vincitore di quel voto, il presidente Joseph Kabila, si è ulteriormente trincerato nel suo incarico. La rabbia è cresciuta mentre le elezioni presidenziali originariamente fissate per la fine dello scorso anno sono state ripetutamente ritardate.

Fonte: The Independent
Link: http://www.independent.co.uk/news/world/africa/congo-attack-latest-peacekeepers-killed-injured-democratic-republic-un-add-in-location-and-any-key-a8099581.html

9 dicembre, Sud Sudan – Oltre 40 morti in scontri su base etnica

Almeno 45 persone sono morte in combattimenti tra gruppi etnici nello stato settentrionale dei laghi occidentali del Sudan meridionale, ha detto un funzionario locale.

L’attacco mortale è stato lanciato contro i Ruop venerdì dai combattenti del Pakam, in rappresaglia per gli attacchi che sono stati effettuati da un gruppo di giovani di Ruop mercoledì e giovedì.

“È stato un combattimento molto pesante, ha lasciato più di 45 morti e molti feriti”, ha detto Shadrack Bol Maachok, il Ministro dell’Informazione.

Il Ministro ha riportato che l’esercito del Sud Sudan, l’SPLA, ha schierato truppe dalla capitale dello stato, Rumbek, per cercare di fermare la violenza che è caratterizzata dall’abbattimento di case e proprietà.

Il bilancio delle vittime dovrebbe salire anche dato che la missione delle Nazioni Unite nel Sud Sudan UNMISS prevede oltre 50 morti. L’UNMISS afferma di aver inviato una pattuglia militare nell’area per stabilire il livello di distruzione e l’impatto sui civili.

La violenza tra comunità rivali è comune in alcune parti del Sud Sudan, spesso innescate da litigi per la scarsa superficie di pascolo e razzie culturali e politiche. Ma il numero delle vittime è raramente grande.

Il ministro ha detto che le schermaglie di questa settimana sono scaturite da dispute risalenti al 2013, ma non è chiaro cosa abbia provocato esattamente le lamentele.

Il Sud Sudan è stato immerso nella guerra civile nel 2013, dopo che un disaccordo politico tra il presidente Salva Kiir e il suo ex vicepresidente Riek Machar si è trasformato in uno scontro militare.

I combattimenti hanno ucciso decine di migliaia di persone, sradicato circa un quarto della popolazione del paese di 12 milioni di persone e hanno influenzato negativamente la sua piccola economia dipendente dal petrolio.

I funzionari delle Nazioni Unite questa settimana hanno fatto appello al consiglio di sicurezza dell’organismo per sostenere l’attuale mandato di UNMISS che scade tra una settimana. Le forze di pace in questa missione delle Nazioni Unite hanno spesso svolto un ruolo fondamentale nella protezione delle strutture umanitarie, facilitando la consegna degli aiuti in aree afflitte dall’insicurezza e in molte occasioni hanno contribuito all’evacuazione del personale umanitario catturato in ostilità attive.

Fonte: Africa News
Link: http://www.africanews.com/2017/12/09/over-40-killed-in-south-sudan-ethnic-clashes/

10 dicembre, Sudafrica – Tensioni davanti al congresso dell’ANC

In Sudafrica, in una settimana, l’ANC, partito al potere, terrà il suo congresso a Johannesburg, dove si svolgerà la tenuta di Jacob Zuma. La tensione è già alta all’inizio del Congresso nel quale il vicepresidente, Cyril Ramaphosa, mostra apertamente la sua rivalità con il Capo dello Stato. Ha, infatti, tirato in causa il caso Kwezi da cui era stato ripulito Jacob Zuma, sospettato di stupro.

Nel pronunciare queste tre parole “Credo a Kwezi”, Cyril Ramaphosa ha fatto emergere un grosso problema. Egli, infatti, non nasconde più di sostenere la versione della giovane donna che aveva accusato il presidente di stupro.

L’attacco è frontale con il presidente Jacob Zuma che era stato scagionato dalla giustizia, dieci anni fa. L’affermazione piuttosto insolita del vicepresidente fa emergere quale sarà il tono per i prossimi dieci giorni cruciali per il partito, che arriva fratturato al Congresso e spera di riemergerne unificato, almeno un’unità di facciata.

La Youth League e la Women’s League dell’ANC, due sostenitori del suo rivale Nkosazana Dlamini-Zuma, hanno condannato l’affermazione del vicepresidente. La prima ha accusato Ramaphosa di essere “il burattino manipolato dagli Stati Uniti”, mentre la seconda gli ha ricordato di essere stato egli stesso coinvolto in uno scandalo sessuale, tre mesi fa.

C’è elettricità nell’aria sei giorni prima dell’inizio del Congresso. Una tensione che l’ANC dovrà controllare, con il rischio di implodersi.

Fonte: Radio France Internationale
Link: http://www.rfi.fr/afrique/20171210-afrique-sud-tension-congres-anc-zuma-ramaphosa-kwezi

Featured Image Source: Wikimedia

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s